in Spettacolo

Virginia Raffaele alias Francesca Pascale: quando la comicità è donna

Virginia RaffaeleA“Quelli che il calcio” l’appuntamento con Virginia Raffaele è ormai uno dei più attesi della puntata. Un’occasione per ridere, ma anche per riflettere su quanto sia labile il confine fra caricatura e realtà.

Mentre, nel pre e post elezioni, Maurizio Crozza imitava Bersani e il suo “giaguaro”, la Raffaele rispondeva prima nei panni dell’ex consigliere comunale in Lombardia Nicole Minetti e poi della “fidanzata” di Silvio Berlusconi, Francesca Pascale. A dimostrare ancora una volta – e il successo della Littizzetto all’ultimo Sanremo ne è un’altra prova – che la risata si tinge sempre più di rosa.

L’imitazione della Minetti ha definivamente consacrato l’attrice comica romana al pubblico di Raidue, che aveva già avuto modo di apprezzarla nel ruolo di Belen Rodriguez. Il personaggio dell’ex igienista dentale del Cavaliere non ha mancato di scatenare l’ira del Popolo delle libertà, che ha accusato Victoria Cabello di “fare campagna elettorale”.

Quindi il 10 febbraio Virginia ha esordito con la “sua” Francesca Pascale. Con tanto di mini-vocabolario contenente “istruzioni di colloquio italiano fluente” in mano, l’ex soubrette di Telecafone, napoletana doc, ha svelato al pubblico aneddoti della sua storia d’amore con l’ex premier. E ha espresso il proprio rammarico per il fatto che il suo Silvio le vietava di rilasciare interviste, mentre lui ne concedeva così tante.

Poi, finito il silenzio elettorale, il 3 marzo la Raffaele è tornata negli studi di “Quelli che il calcio” munita di un vassoio pieno di sfogliatelle, per omaggiare ospiti e pubblico. La “fist lady” o “premiera dame” – come si è autodefinita – ha descritto la gioia del suo “ragazzo” per il risultato delle votazioni e ha raccontato momenti della loro quotidianità, come quando l’ha accompagnata in motorino al seggio.

Prima di approdare al programma sportivo, la Raffaele si era fatta conoscere attraverso la partecipazione a “Mai dire Grande Fratello”, dove aveva imitato ex concorrenti del reality show come Federica Rosatelli e Cristina del Basso, ma anche cantanti quali Giusy Ferreri e Malika Ayane.

Insomma, da Luciana Littizzetto a Sabrina Guzzanti, da Paola Cortellesi a Geppi Cucciari fino a Virginia Raffaele, la comicità italiana è sempre più spesso donna.  E si tratta di una comicità intelligente, che rappresenta a suo modo una piccola grande “rivincita al femminile” in tv.  Un segnale che fa ben sperare dopo che i palinsesti sono stati a lungo dominati dalle varie “veline” e “belle ma senza cervello” cattura-audience.

Written By:

Da anni un'appassionata di sogni, smorfia, e tutto quello che ci aiuta a capire meglio quello che ci succede-

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *